Ultimissime ...

Benvenuti

Il nuovo logo del Liceo Scientifico Statale Il Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” di Reggio Calabria ha una sua connotazione precisa per il rigore e la metodologia scientifica applicati in ogni attività del suo operare, nel rispetto della centralità dell’uomo e dei conseguenti obiettivi formativi culturali imprescindibili. A tal fine garantisce un rapporto equilibrato tra la sostanziale validità dell’impianto didattico tradizionale e la graduale apertura a quella innovazione dei saperi, delle metodologie, degli strumenti, che gli consentono di rispondere alle istanze di un mondo reale in continua e rapida trasformazione.

20/10/2020 - TURNAZIONE MENSILE DELLE CLASSI TRA ORARIO ANTIMERIDIANO E ORARIO POMERIDIANO

Richiamando la Circolare DOCENTI n. 433 / Comunicazione STUDENTI n. 388 / Circolare ATA n. 66 del 25/08/2020 e in particolare il calendario della turnazione in oggetto aggiornato fino al 30/01/2021, in essa contenuto, si rammenta che nel periodo dal 26 ottobre al 21 novembre pp.vv. le classi del Liceo osserveranno gli orari seguenti:

dalla sez. A alla sez. H, la 4aAA, la sez. T e la 3aU: orario antimeridiano (8:00 – 12:10);

dalla sez. I alla sez. S: orario pomeridiano (14:00 – 18:10)

Visualizzazioni totali: 216

20/10/2020 - AVVISO SCADENZA: CEDOLE LIBRARIE E COMODATO D'USO

Si ricorda alle famiglie interessate alla fornitura dei libri di testo - nella modalità cedole librarie per le classi del biennio e in comodato d’uso per le classi del triennio - che il termine IMPROROGABILE per la presentazione della domanda è fissato al 26 ottobre 2020. (cfr. Circolare DOCENTI n. 27 / Comunicazione STUDENTI n. 24 del 08/10/2020)

Visualizzazioni totali: 50

06/10/2020 - APPELLO ALLE FAMIGLIE

Gent.mi genitori,

in merito al periodo particolare che stiamo vivendo, mi preme richiamare l’alleanza educatica scuola famiglia quale presupposto della serenità degli studenti e di una più incisiva azione di salvaguardia dell’incolumità dei nostri ragazzi, dei loro cari e di tutta la comunità scolastica.

Preliminarmente, informo ciascuno di voi sulle differenti competenze della scuola e del Dipartimento di Prevenzione nella gestione dei casi COVID, così come  riportate nel Rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità n. 58/2020 e nella Circolare del Ministero della Salute n. 30847 del 24/09/20:

-nel caso in cui un alunno presenti un aumento della temperatura corporea al di sopra di 37,5°C o un sintomo compatibile con COVID-19, in ambito scolastico, viene attivato dall’istituto il Protocollo COVID per cui lo studente viene accompagnato nell’apposita aula e viene, prontamente, avvisata la famiglia. Il referente COVID del liceo informerà il Dipartimento di prevenzione che si attiverà per l’approfondimento dell’indagine epidemiologica e delle procedure conseguenti, d’intesa con il Medico di Medicina Generale o con il Pediatra dello studente.

Se dopo eventuale effettuazione di test, l’esito dovesse risultare positivo, il referente scolastico COVID-19, su richiesta, fornirà al Dipartimento di prevenzione l’elenco dei compagni di classe nonché degli insegnanti del caso confermato che sono stati a contatto nelle 48 ore precedenti l’insorgenza dei sintomi. Il gruppo classe e i contatti stretti, individuati dal Dipartimento di Prevenzione con le consuete attività di contact tracing, saranno posti in quarantena per 14 giorni dalla data dell’ultimo contatto con il caso confermato, sarà il DdP a disporre per gli stessi, durante la quarantena, l’effettuazione di due tamponi domiciliari.

-Si precisa che per i conviventi degli studenti collocati in quarantena “preventiva” (in quanto compagni di classe di studenti positivi), non è previsto alcun intervento precauzionale, il Dipartimento di Prevenzione disporrà misure adeguate solo in caso di esito positivo del tampone effettuato al proprio congiunto.

Alla luce di quanto sopra, si precisa che è il D.P. a tracciare i contatti stretti dei ragazzi, in questa fase è opportuno non generare inutili allarmismi che potrebbero pregiudicare le attività didattiche e, soprattutto la serenità dei ragazzi. Eventuali contatti con “casi accertati” andranno comunicati al Medico di Medicina Generale o al Pediatra dello studente che attiverà con il D.P. le misure adeguate; la scuola non può sostituirsi al servizio sanitario nazionale, entrerebbe nel merito di competenze che la legge non contempla. Sarete voi genitori a valutare l’opportunità di fermare lo studente a casa fintanto che l’Asp non fornirà indicazioni.

Esorto, quindi, tutti voi famiglie a continuare a sostenerci in questa nuova quotidianità scolastica di convivenza con la pandemia, una sfida che dobbiamo tutti affrontare con la dovuta serenità a tutela del benessere psico-fisico dei nostri ragazzi; da parte nostra, continueremo a stare loro accanto, attiveremo prontamente la didattica integrata digitale per tutti gli studenti in quarantena, accompagneremo psicologicamente tutti gli alunni e saremo costantemente vicini a voi genitori.

Vi rassicuro che la scuola continuerà ad adottare e a far rispettare a tutta la popolazione scolastica le misure di sicurezza fondamentali (distanziamento fisico, igienizzazione e lavaggio frequente delle mani, uso della mascherina, costante sanificazione dei locali).

Purtroppo, al di fuori del contesto scolastico, gli assembramenti, il mancato utilizzo delle mascherine da parte dei giovani e non, sono evidenti a tutti. E’ mortificante il dovere assistere il sabato sera a determinate scene, è un’offesa alle persone più fragili che potrebbero rischiare la vita per la noncuranza e l’immaturità dei molti. L’epidemiologia è una responsabilità di tutti: se per la riapertura delle scuole pretendiamo determinate regole e poi non le adottiamo all’esterno, allora è inutile…. Per convivere con il virus è necessaria una grande responsabilità individuale che è